domenica 3 ottobre 2010

Grey's Anatomy: Trama 7x01 "With You I'm Born Again

Attenzione attenzione, quello che segue è un riassunto più o meno dettagliato del primo episodio di Grey's Anatomy, se non lo avete visto e se non volete rovinarvi la sorpresa vi consiglio di non continuare nella lettura. Più che riassunto è un mio rantolo mentale, nel senso che ho appena finito di vedere l'episoido e lo commento così a caldo, senza nemmeno prendermi il tempo di ragiornarci e di pensarci, anche perchè ultimamente non ho molto tempo per seconde visioni o per analizzare le cose meglio.
Io vi ho avvertiti, buona lettura.
Allora allora, veniamo a noi, dopo non so quanto tempo finalmente ho trovato cinque minuti sparsi in diversi giorni per vedere questo episodio. Che dire, diciamo che in generale mi sono mancate le sorprese, tutto era gia stato detto ed annunciato. Mi spiego meglio, io so di essere una persona che va a caccia di spoiler quindi è logico che quanto vedo un episodio già conosco molti particolari, ma in questa occasione sono stati rilasciati in quella che potrei dire stampa ufficiale tantissime informazioni, alcune erano tutto sommato scontate ed innoque altre erano delle vere e proprie bombe. Quando ti vengono a dire che ogni personaggio reagirà in modo diverso alla sparatoria è una notizia scontata, è logico che ogni persona a causa di una diversa personalità e di una diversa storia reagisca in modo di verso ad eventi traumatici, è vero nella vita reale e maggiormente nelle serie TV dove ogni personaggio ha in un certo senso il compito di incarnare un certo gruppo di pesone. Anche il fatto che ci sarebbe stato un consigliere a valutare la situazione psicologica dei nostri per me era una notizia tutto sommato scontata. Le nostizie bomba sono ad esempio quelle dove ti dicono per filo e per segno come si svolgerà il matrimonio tra Cristina ed Owen, quelle che ti dicono che Meredith non dirà dell'aborto al marito il quale finirà in prigione. Il problema è che chi segue la stampa è stato innondato da tantissime notizie "innoque" e da altri importanti con il risultato finale di sapere già tutta la trama prima ancora di iniziare a vedere l'episodio.

Il nostro episodio si svolge a mesi di distanza dalla sparatoria, quando tutti i nostri dottori sono guariti dalle ferite fisiche, ma non da quelle mentali. I personaggi che hanno avuto in contatto più traumatico con Clark li vediamo passare dal colloquio con Andrew e via via alcuni di loro vengono riabilitati per il ritorno in sala operatoria. Le due amiche Meredith e Cristina sono le uniche a non ottenere il  nullaosta entro la fine dell'episodio.
Francamente non so come raccontare l'episodio, se fare un riassunto cronologico o concentrarmi sui singoli personaggi ... proverò questo ultimo approccio.
Andiamo ad inziare in ordine sparso.
April/Jackson/Teddy: in questo episodio hanno un ruolo estremamente marginale, sappiamo solo che i due tirocinanti sono tra i primi a poter tornare in sala operatoria e che Teddy sa la fa con il terapeuta, cosa che non va contro nessuna regola perchè la nostra bionda non è una sua paziente.
Webber:  anche per lui tutto sommato parte di contorno, lo vidiamo felice e ballerino per la riacquisizione del suo vecchio posto, ma quello che mi è piaciuto di più è che in un certo senso si vede che ha ripreso in mano le redini dell'ospedale, si vede come tenga sotto controllo tutto e tutti per verificare che tutto stia effettivamente tornando alla normalità.
Miranda: forse il suo personaggio è la vera sorpresa dell'episodio, subito dopo la sparatoria si è presa un mese di ferie per tornare dai parenti con il figlio, un mese per staccare la spina e per rimettere assieme i suoi nervi. Quando torna non è ancora a posto, come dice lei stessa è impegnata a tenersi assieme con la colla e con il natro adesivo. In tutto questo ad andarci di mezzo è Ben, il quale quel fatidico giorno non era in servizio e la nostra Miranda invece di essere felice che lui sia sano e salvo, invece di aggrapparsi a lui e chiedere il suo sostegno lo ripudia, lo scaccia perchè in realtà vorrebbe che pure lui si sentisse una merda come si sente lei. Quello che mi ha dato più fastidio non è il fatto che Miranda in un certo senso provi invidia per Ben e per la sua salute metale, ma che lui se ne vada via da lei senza fare storie, che non provi nemmeno un minuto ad imporsi ed a proporsi come spalla su cui piangere o bastone a cui appoggiarsi. Non so perchè, ma trovo che gli autori ci godano a far sembrarare gli uomini di Grey's dei gran bastardi.
Callie e Arizona: anche loro tornano a lavoro subito e la loro unica preoccupazione e non rovinare il magico momento che stanno vivendo, sopratutto Arizona ha paura che Callie possa tornare alla carica con la storia dei bambini, lei non si è rimangiata la parola solo che non le sembra ancora giunto il momento, comunque tanta paura per niente, perchè quello che vuole Callie per il momento è semplicemente vivere assieme ufficilamente.
Lexie: lei è andata all'inferno e poi è ritornata, nel senso che il suo cervello non la smetteva di pensare, di elaborare, di ragionare e questo le impediva di dormire. Tutto questo l'ha portata ad un crollo nervoso risolto con tante ore di sonno ed ora lei è tornata, è tornata forse con più consapevolezza di se stessa ed infatti non si fa problemi a dire ad Alex che lui si sente un duro, ma non lo è perchè mentre lei gli salvava la vita lui piangeva per la moglie che lo ha mollato.
Mark: il suo unico scopo è cercare di tornare nelle grazie di Lexie e lo fa vegliando su di lei, forse in modo un poco troppo ossessivo.
Alex: lui cerca di superare il tutto con la baldanza di sempre, decide di tenere il proiettile perchè fa figo con le donne e perchè lo fa sentire un grande.
Owen: anche per lui ruolo marginale.
Derek: lui vive con l'adrenalina sempre al massimo, lo vediamo poco dopo il risveglio dall'operazione che ammette con April il sentirsi responsabile per tutte quelle morti, ma subito dopo la sensazione di essere vivo prende il sopravvento, vuole rivivere costantemente quella sensazione e lo fa superando i limiti di velocità. In tutto questo lascia pure il posto di capo, torna ad essere quello che si sente veramente: un chirurgo.
Meredith: lei e Cristina sono quelle messe peggio, Meredith in particolare non vuole dire a suo marito dell'aborto sostenendo che lui non è ancora pronto a questo, ma come le fa notare Cristina forse è lei che non si sente ancora pronto ad ammetterlo.
Cristina: lei è forse quella maggiormente traumatizzata, ma non perchè le hanno puntato una pistola alla tempia, ma perchè hanno dissacrato il suo tempio, il suo luogo sacro: la sala operatoria. Si mette anima e corpo nel preparativo del matrimonio, fa strano vedere una Cristina che legge riviste con i consigli per le sposine e non l'operazione, come dice al terapeuta vuole per una volta essere solo una ragazza come tutte le altre, con pensieri semplici, con desideri banali, perchè questo tipo di ragazze non vivranno mai quello che ha vissuto lei.

Il discorso di Meredith rigurada il cambiamento, il fatto che tutti noi cambiano che ci piaccia o no, è assurdo che le persone facciano di tutto per rimanere sempre le stesse.
Credo che questo discorso sia stato un poco preparato per mettere a tacere tutte quelle persone che durante la pausa estiva si lamentavano del fatto che gli autori avevano già annunciato che alcuni personaggi si sarebbero comportati "fuori dagli schemi", come un poco preparata è la scena di tutti i tirocinanti a chiacchiara nel corridoio come a voler dire al pubblico "non ci rompete i coglioni, adesso questo è il gruppo dei tirocinante e non ci frega niente se non vi piace!".
Come spesso accade con gli episodi di inizio stagione anche questo ha buttato le basi di quello che vedremo, personalmente credo che almeno per i primi dieci episodi circa, quindi fino alla pausa per le vacanze natalizie, si avrà una Cristina che dovrà combattere tra la sala operatoria ed il matrimonio alla ricerca di se stessa e di un nuovo equilibrio, Meredith come sempre farà da "supervisore" a tutti quanti, Lexie che dovrà far capire a tutti quello che vale mentre Mark veglierà su di lei. Callie e Arizona probilmente avranno un poco di disguidi sul fatto che adesso andranno a vivere ufficialmente assieme. Certo si dovrà aspettare forse il secondo e terzo episodio per chiarire meglio quello che sarà il sottofondo della prima metà di stagione, ma credo che una idea di base sia comunque stata già data, almeno per i personaggi principali.

Per quanto rigurda comuque l'episodio in se non mi è dispiaciuto, alcuni lo hanno trovato troppo veloce io invece credo che abbia avuto i giusti tempi e la giusta evoluzione, adesso aspetto di vedere il secondo per farmi una idea migliore, perchè comunque credo che se, come ho detto prima, in questo episodio siano state date delle buone basi per quello che vedremo prossimamente, il secondo e terzo episodio saranno indispensabili per consolidare la struttura.